CHIARIMENTI: le Entrate trattano alcuni punti interessanti su spese di vitto e alloggio


La deducibilità delle spese di vitto è alloggio viene ulteriormente chiarita dall’Agenzia delle Entrate. In particolare si sofferma sui dubbi sorti in relazione alla cointestazione delle fatture, la deducibilità per gli amministratori di società, contribuenti minimi e soci di snc. In dettaglio: per gli amministratori, in quanto legati all’impresa da un rapporto professionale e di collaborazione, le spese di trasferta, nonché vitto e alloggio, sono interamente deducibili; nessun limite è previsto per le spese sostenute dai contribuenti minimi: anche per essi sono totalmente deducibili; per i soci di snc, invece, la deducibilità trova il limite del 75%; in caso di spesa sostenuta da utente diverso del fruitore (datore di lavoro e dipendente), l’obbligo di cointestazione si assolve indicando in fattura i dati del datore, e in una nota allegata quella del dipendente.


Partecipa alla discussione sul forum.