Cassazione: riporto perdite anche senza Unico

La Cassazione a Sezioni unite, con la sentenza n17757/2016 per il credito Iva, ha stabilito che l’omissione della dichiarazione annuale non può impedire il riporto in avanti delle perdite d’impresa effettivamente prodotte. È infatti sempre possibile far valere, in sede di accertamento o di giudizio, le omissioni e gli errori commessi, come hanno precisato, sempre le Sezioni unite, nella sentenza 13378/2016, e l’agenzia delle Entrate non può pretendere somme non effettivamente spettanti.

Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it