Cassazione: per l’omissione contributiva è sempre responsabile il datore di lavoro


La Corte di Cassazione, nella sentenza n. 18100 del 14 maggio 2012, conferma la responsabilità, e la relativa condanna, al datore di lavoro che omette il versamento di ritenute previdenziali e assistenziali, anche se quest’ultimo ha conferito l’incarico di gestire i DM 10 a un commercialista. Il mandato al professionista non lo esonera dall’obbligo di vigilare sull’esecuzione del mandato.

 


Partecipa alla discussione sul forum.