Cassazione: le modalità di richiesta del credito da ritenute di acconto

Il contribuente che dimentica di indicare le ritenute d’acconto in dichiarazione non può aspettarsi di vedersi corretta la dichiarazione dal fisco, è questa la conclusione a cui arriva la sentenza di Cassazione n. 16551/2011. Nel caso di mancata indicazione delle ritenute di acconto subite, il relativo credito d’imposta deve essere richiesto secondo le modalità e i termini stabiliti dall’art.38 del Dpr 602/73 (18 mesi dalla data di versamento).

 

Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it