CASSAZIONE: la detrazione IVA su un bene acquistato spetta anche quando l’attività si occupa di vendita di parti di esso

In merito ad una istanza di un contribuente che si vedeva rettificata l’IVA su un bene acquistato anni prima e successivamente rivenduto, perché l’attività della sua società non prevedeva espressamente la commercializzazione di quel bene ma di suoi pezzi, la Cassazione con la sentenza n. 5753 depositata il 10 marzo u.s., gli ha dato ragione. Spetta la detrazione IVA perché, secondo la giurisprudenza comunitaria, se sussiste un nesso immediato e diretto tra una specifica operazione a monte e una a valle che conferiscono il diritto alla detrazione, questo diritto deve essere riconosciuto al contribuente.


Partecipa alla discussione sul forum.