Cassazione: l’ex amministratore che, cessato dalla carica, presenta la dichiarazione è responsabile se omette di versare l’IVA


La Corte di Cassazione con sentenza n.26930/2017 ha dichiarato che, nonostante l’ex amministratore non potesse più considerarsi obbligato alla presentazione della dichiarazione fiscale per essere ormai cessato dalla carica di amministratore, ne è comunque responsabile. Hanno dichiarato i giudici: “è vero che non risponde del reato di omesso versamento di IVA, chi, pur avendo presentato la dichiarazione annuale, non è poi tenuto al pagamento dell’imposta nei termini previsto dall’art.10-ter, dlgs n.74/2000, salvo che si dimostri, comunque, che il soggetto abbia chiaramente organizzato la condotta rispetto all’omissione del versamento ovvero abbia fornito un contributo causale, materiale o morale, da valutarsi a norma dell’art. 110 cod. pen., all’omissione della persona obbligata, al momento della scadenza, al versamento dell’imposta dichiarata, tuttavia, quando un amministratore cessa la sua carica, ma dopo la cessazione presenta la dichiarazione in un momento antecedente alla nomina del nuovo amministratore , svolge comunque un atto gestorio e questo fatto costituisce un rilevante elemento indiziario se non contraddetto da acquisizioni contrarie.


Partecipa alla discussione sul forum.