CASSAZIONE: il riconoscimento del rapporto di associazione in partecipazione


Secondo la Corte di Cassazione – sentenza n. 19833 del 20 settembre 2010 – un rapporto di associazione in partecipazione è riconosciuto grazie alla indefettibile presenza del fattore di rischio assunto dall’associato, la cui remunerazione dell’attività lavorativa dipende da un parametro variabile (vedi il risultato netto dell’esercizio), con la conseguente assunzione del rischio di partecipare alle perdite, nonché il concreto esercizio della facoltà di controllo dell’andamento economico dell’azienda e l’effettuazione periodica dei conguagli nell’ipotesi di corresponsione anticipata di acconti.


Partecipa alla discussione sul forum.