Cassazione: il preventivo del professionista non può essere ritoccato

La sentenza della Corte di Cassazione – sezione II civile –  n. 15628 del 18 settembre 2012 censura il ritocco fatto al preventivo del professionista, quando questi, con un pensiero già formato e a lavoro/servizio compiuto, fa lievitare la parcella giudicandola non più adeguata alla prestazione effettivamente svolta. Secondo i giudici la convenzione intervenuta fra le parti va rispettata anche se il compenso è inferiore ai minimi professionali.

Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it