Cassazione: il difetto di sottoscrizione non invalida il ruolo

Secondo l’ordinanza della Cassazione n. 19761 del 3 ottobre 2016, è irrilevante l’assenza di firma del capo ufficio sull’iscrizione a ruolo. In particolare la sottoscrizione del ruolo rappresenta un atto interno e la sua assenza non determina automaticamente l’invalidità dell’iscrizione a ruolo. Prova ne sia che, per il difetto di sottoscrizione del ruolo, il legislatore non ha espressamente previsto la sanzione della nullità.

Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it