Cassazione: il bonus prima casa non è retto dal preliminare di acquisto

La Corte di Cassazione, nell’ordinanza n. 17151 del 29 luglio 2014, torna a occuparsi dell’agevolazione prima casa. Nel documento viene precisato che, in caso di vendita infraquinquennale di un immobile acquistato usufruendo del beneficio, la stipula del solo contratto preliminare non è sufficiente a interrompere il termine di un anno entro il quale il contribuente è tenuto a riacquistare la nuova abitazione.

Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it