Canone Tv: sul sito dell’Agenzia delle Entrate le risposte alle situazioni non standard

In tema di canone Tv, tanto dibattuto per la novità di quest’anno l’ingresso in bolletta luce, l’Agenzia delle Entrate ha pubblicato sul proprio sito le Faq con chiarimenti ai quesiti più frequenti come le doppie utenze o la fornitura elettrica a nome del marito a fronte dell’abbonamento televisivo intestato alla moglie. Eccone alcune: il contribuente titolare di più contratti di tipo domestico residenziale non rischia di pagare più canoni, l’addebito interesserà solo una delle utenze elettriche; chi stipula per la prima volta un contratto per la fornitura elettrica nel corso dell’anno e non è già titolare di un’altra utenza residenziale nell’anno di attivazione, è esonerato dal pagamento del canone solo se presenta la dichiarazione entro la fine del mese successivo alla data di inizio del servizio; la dichiarazione di non detenzione può essere presentata online attraverso l’applicazione web disponibile sul sito di Agenzia delle Entrate o tramite gli intermediari abilitati, ma anche in formato cartaceo, con raccomandata senza busta, insieme a una copia di un valido documento di riconoscimento, indirizzata alla Sat – c.p. 22 Torino; cosa succede quando la moglie paga la Tv e il marito la luce? Se i coniugi appartengono alla stessa famiglia anagrafica, il canone dovrà essere pagato una sola volta e non occorre presentare la dichiarazione sostitutiva.


Partecipa alla discussione sul forum.