Canone Rai: attenzione alle doppie imposizioni

Il concetto di famiglia anagrafica rischia di creare disguidi in materia di canone Rai. Il confronto tra la normativa e il provvedimento dell’Agenzia delle entrate sul modello di esenzione dal pagamento del canone tv fa emergere diverse interpretazioni del concetto di famiglia anagrafica fiscale che hanno dei riflessi sul pagamento dell’imposta. La definizione di famiglia fiscale diventa importante perché, in base ai suoi confini si potrebbero sviluppare diversi casi che porterebbero a un pagamento doppio o meno del canone, per una stessa abitazione. Alcuni esempi sono costituiti da: due fidanzati che convivono sotto lo stesso tetto e in casa hanno due televisori; una badante in casa con una sua camera con televisore per uso privato. Un’altra questione aperta riguarda l’esenzione per coloro che hanno un’età pari o superiore ai 75 anni. Ad oggi non devono pagare il canone coloro che hanno un reddito annuo pari a 6.700 euro. E’ previsto l’innalzamento della soglia di esenzione a 8.000 euro, ma manca ancora il decreto attuativo.


Partecipa alla discussione sul forum.