Beni in godimento ai soci: nuovi chiarimenti

L’Agenzia dell’Entrate è intervenuta chiarendo che per evitare la doppia imposizione il reddito diverso daassoggettare a tassazione in capo all’utilizzatore debba essere ridotto del maggior reddito d’impresa imputato allo stesso utilizzatore (imprenditore individuale o socio tassato per trasparenza) a causa dall’indeducibilità dei costi del bene concesso in godimento che ha generato il reddito diverso. (Anna Maria Pia Chionna)

Condividi:


Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it