Avvisi bonari non impugnabili: l’Agenzia delle Entrate conferma la sua tesi

di Redazione

Pubblicato il 24 maggio 2012



Gli avvisi bonari non sono atti impugnabili. L’Agenzia delle Entrate conferma il suo orientamento, supportato nel 2007, da due sentenze della Cassazione a Sezioni unite (nn. 16293 e 16428). Gli uffici continueranno a sostenere l’inammissibilità dei ricorsi eventualmente proposti contro gli avvisi bonari, ignorando la recente pronuncia n. 7344/2012 della Corte di Cassazione, che aveva espresso un parere contrario. Il contribuente potrà comunque far valere le sue ragioni in sede di impugnazione del ruolo; solo la notifica della cartella di pagamento rende definita la pretesa tributaria e la porta a conoscenza del contribuente.