Associazioni sportive: conti a posto senza tracciabilità


Il Dl n. 158/2015 ha abrogato la norma contenuta all’articolo 25 della legge 133/1999, la quale disponeva la decadenza dal regime agevolativo previsto dalla legge 398/1991 per le associazioni sportive dilettantistiche che violano l’obbligo di utilizzare modalità tracciate per i pagamenti di importo superiore a 1.000 euro. Le associazioni, per mantenere il regime agevolativo loro riconosciuto, devono, in ogni caso, avere una documentazione attendibile che non lasci dubbi su uscite e movimenti bancari. Così recita, in sintesi, la sentenza 174 del 4 marzo 2016 della Commissione tributaria provinciale di Pesaro, sezione 1, che ribadisce alcuni punti cardine in materia di requisiti per il riconoscimento delle regime di vantaggio a favore delle associazioni sportive dilettantistiche.


Partecipa alla discussione sul forum.