Approvata alla Camera la legge sullo sviluppo-bis, ecco le novità di rilievo.


La conversione definitiva del decreto Sviluppo ha annotato alcune novità. Attuata l’Agenda digitale riconoscendo il ruolo fondamentale delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione; viene introdotto il documento digitale unificato che sostituirà dopo un decreto del presidente del consiglio dei ministri la carta d’identità elettronica e la tessera sanitaria; istituita l’Anagrafe nazionale della popolazione residente (ANPR), che subentra alle anagrafi della popolazione residente tenute dai comuni e dell’AIRE (Anagrafe della popolazione italiana residente all’estero); esteso l’obbligo di comunicare alle CCIAA l’indirizzo della PEC alle imprese individuali che presentano domanda di prima iscrizione al registro delle imprese o all’albo delle imprese artigiane; per le imprese individuali attive e non soggette a procedura concorsuale il termine per comunicare l’indirizzo di posta elettronica certificata è il 30 giugno 2013; introdotto, per quanto riguarda le assicurazioni, il contratto base RC auto, che tutte le compagnie saranno tenute ad offrire in regime di piena liberta tariffaria; per le start up innovative si abbassa la soglia di spesa in ricerca e sviluppo, e viene previsto l’esenzione dall’obbligo di avvalersi della certificazione di un revisore dei conti o di un professionista iscritto al registro dei revisori contabili; per favorire la realizzazione di nuove opere infrastrutturali di importo superiore a 500 milioni di euro mediante l’utilizzazione dei contratti di partenariato pubblico-privato, è concesso un credito d’imposta ai fini IRES/IRAP in relazione alla costruzione e gestione dell’opera.


Partecipa alla discussione sul forum.