Antiriciclaggio: professionisti in deficit di comunicazioni


Secondo i dati del Ministero gli studi professionali non attuano tutti gli obblighi antiriciclaggio, il maggior numero delle segnalazioni effettuate vengono dagli intermediari finanziari. Per i professionisti gli obblighi antiriciclaggio non si limitano alla comunicazione dell’avvenuto pagamento tra soggetti diversi in un’unica soluzione in contante di importo pari o superiore a 1.000 euro, ma comprendono anche l’adeguata verifica della clientela, la registrazione delle informazioni nell’archivio unico e la segnalazione delle operazioni sospette. Nel 2010 sono state segnalate alla Guardia di Finanza e alla Dia 26.947 operazioni sospette, la maggior parte arrivate dal sistema bancario. La tendenza è stata confermata anche nel 2011. Il bollettino semestrale U.I.F. registra,  nel primo semestre 2011, una crescita delle segnalazioni con un incremento di circa il 57% rispetto allo stesso periodo del 2010. I professionisti e gli operatori non finanziari hanno effettuato un ristretto numero di segnalazioni: 106 sono state inviate agli organi investigativi e soltanto 8 sono state archiviate.


Partecipa alla discussione sul forum.