Al via il credito d’imposta per le fondazioni che aiutano il volontariato

E’ operativo il credito d’imposta a favore delle fondazioni che effettuano versamenti ai fondi speciali pro volontariato. E’ stato pubblicato sulla GU n. 180 del 3 agosto 2017 il decreto del ministero del lavoro 9 maggio 2017 recante “Modalità applicative del contributo, sotto forma di credito d’imposta, in favore delle fondazioni di cui al decreto legislativo 17 maggio 1999, n. 153”. I fondi sono quelli creati presso le regioni al fine di istituire, per il tramite degli enti locali, centri di servizio a disposizione delle organizzazioni di volontariato, e da queste gestiti, con la funzione di sostenerne e qualificarne l’attività. Possono fruire del credito d’imposta le fondazioni che effettuano volontariamente, nell’ambito della propria attività istituzionale, i versamenti su un apposito conto corrente acceso dall’Associazione di fondazioni e di casse di risparmio spa (Acri) da destinare, in aggiunta a quelli previsti per legge, ai fondi speciali istituiti presso le regioni secondo le modalità e i termini che saranno definiti d’intesa dall’Acri, dal Forum nazionale del terzo settore e dal Coordinamento nazionale dei Centri di servizio per il volontariato (Csvnet). Il credito d’imposta è riconosciuto nella misura del 100 per cento dei versamenti volontari effettuati.


Partecipa alla discussione sul forum.