Al via gli interpelli per i nuovi investimenti


Le nuove attività economiche che si occupano di ampliamento/diversificazione della produzione/ristrutturazione di attività economiche preesistenti, operazioni aventi ad oggetto le partecipazioni in un’impresa, sono interessate alle presentazione della procedura dell’Interpello sui nuovi investimenti” introdotto dall’art. 2 del Decreto Crescita e Internazionalizzazione (Dl n. 147/2015). E’ stato pubblicato sulla GU n.110 del 12 maggio 2016) il decreto 29 aprile 2016, che individua le modalità applicative del nuovo interpello. L’istanza deve contenere le specifiche disposizioni tributarie di cui si richiede l’interpretazione o in relazione alle quali si chiede di valutare l’eventuale abusività, le specifiche disposizioni antielusive delle quali si chiede la disapplicazione e gli specifici regimi o istituti ai quali si chiede di avere accesso, con esposizione chiara e univoca del trattamento fiscale ritenuto corretto. L’amministrazione finanziaria è tenuta a rispondere, in forma scritta e motivata, entro 120 giorni dal ricevimento dell’istanza.


Partecipa alla discussione sul forum.