Agevolazioni: firmato il decreto che interessa gli incrementi di capitale


Il decreto di attuazione del 14 marzo 2012, in corso di pubblicazione sulla GU, fornisce chiarimenti sull’ACE. L’utile destinato alla riserva legale e le rinunce ai crediti dei soci rientrano nell’agevolazione. Il provvedimento stabilisce che società di persone ed imprese individuale applicano l’ACE sull’intero patrimonio netto a fine esercizio. Viene precisato che le riserve non disponibili sono costituite dalle poste che non possono essere utilizzate a copertura di perdite o ad aumento di capitale; è valido l’accantonamento alla riserva legale e alla riserva indivisibile delle società cooperative. Vengono introdotte ulteriori sterilizzazioni: conferimenti in denaro effettuati dal contribuente a società controllate, conferimenti ricevuti da società estere controllate da soggetti residenti, conferimenti da società estere black-list. E’ ridotta la base dell’incentivo a fronte di incrementi di crediti di finanziamento erogati a società controllate rispetto al saldo di fine 2010. La base ACE netta non potrà superare il patrimonio netto iscritto in bilancio, senza considerare la riserva di acquisto azioni proprie.


Partecipa alla discussione sul forum.