AGENZIA ENTRATE: no alla fideiussione per le rate sotto i 50mila


L’Agenzia delle entrate interviene con una nota diramata agli uffici regionali e provinciali, circa la fideiussione richiesta sulle rate sotto i 50mila euro in caso di accertamento con adesione. L’invito fatto è di applicare la normativa esistente prima del 19 settembre scorso, data in cui, per una “svista” del legislatore delegato, il provvedimento sul credito al consumo, aveva “involontariamente” riattivato la fideiussione sulle rate inferiori ai 50mila euro. Sono tre le situazioni in cui, almeno fino al 5 ottobre, data di approvazione del DL 125 e dell’emendamento in Camera, in cui la fideiussione non deve essere richiesta anche se l’importo è sotto il limite detto: per gli atti di adesione sottoscritti dal contribuente prima del 19 settembre scorso; per le adesioni sottoscritte, il cui atto è stato perfezionato, è stata versata la prima rata e le successive sono sotto il 50mila euro; per le nuove richieste presentate dopo il 19 settembre, almeno fino all’entrata in vigore della modifica al DL 125/10.


Partecipa alla discussione sul forum.