Agenzia delle Entrate: risposta sul leasing abitativo

di Angelo Facchini

Pubblicato il 17 giugno 2016

Nella circolare 27/E l'Agenzia delle Entrate risponde a domande sul leasing abitativo. A fronte della seguente domanda: nell'ambito della disciplina fiscale del leasing abitativo, il requisito dell'età (35 anni) e il requisito reddituale (non superiore ai 55.000 euro) vanno verificati al solo momento della stipula contrattuale o anno per anno? l'Agenzia risponde: sia il requisito anagrafico sia quello reddituale, devono essere verificati solo al momento della stipula del contratto al fine di fruire della detrazione del 19% riconosciuta dalla legge di Stabilità 2016, delle spese sostenute in relazione ai contratti di leasing abitativo. La detrazione dall'imposta lorda dei corrispettivi periodici e del prezzo finale di acquisto è concessa ai contribuenti che possiedono "un reddito complessivo non superiore a 55.000 euro". Tale condizione non è richiesta per l'intera durata del contratto di locazione finanziaria, quindi l'agevolazione, può essere fruita anche se nel corso di vigenza del contratto il conduttore risulti titolare di un maggior reddito.