Agenzia delle Entrate: le cessioni gratuite esaminate dalla circolare 20/E


Nella circolare AE n. 20/E del 18 maggio 2016 vengono dibattute anche le cessioni gratuite. Si ricorda la presunzione secondo la quale si ritiene che un bene sia ceduto se acquistato, importato, o prodotto senza che si trovi nei luoghi
in cui il contribuente svolge le proprie operazioni, né in quelli dei suoi rappresentanti; la circolare n.20/E commenta il comma 396 della legge di stabilità 2016. La semplificazione attuata dalla norma riguarda la cessione gratuita di prodotti a enti, associazioni o fondazioni aventi esclusivamente finalità di assistenza, beneficenza, educazione, istruzione, studio o ricerca scientifica e alle ONLUS. Tale cessione è sottoposta a obbligo di comunicazione della stessa all’Agenzia delle
Entrate con il nuovo limite che ammonta a 15.000 euro, al di sotto del quale l’obbligo non sussiste (precedentemente l’obbligo non sussisteva solo al di sotto dei 5.164,57 euro). La circolare, inoltre, ricorda che, in deroga a quanto scritto, la
comunicazione è sempre facoltativa se i beni ceduti sono facilmente deperibili, come gli alimenti.


Partecipa alla discussione sul forum.