AFFRANCAMENTI: il 30 giugno il termine per la rivalutazione dei beni posseduti al 1° gennaio 2008


La scadenza per gli affrancamenti delle quote o dei beni posseduti al 1° gennaio 2008 è alle porte, anche se si ravvisa la possibilità di una proroga. La rivalutazione dei valori di acquisto delle partecipazioni non negoziate nei mercati regolamentati e dei terreni edificabili e con destinazione agricola, interessa quei contribuenti che effettuano operazioni suscettibili di generare redditi diversi.
Sono le persone fisiche, per le operazioni non rientranti nell’attività commerciale, le società semplici e i soggetti equiparati, gli enti non commerciali per i beni detenuti al di fuori dell’attività esercitata, i soggetti non residenti con partecipazioni in società residenti, non riferibili a stabili organizzazioni nazionali. Concretamente si tratta di versare un’imposta sostituiva del 2% o del 4% sulla rivalutazione del bene, a seconda che si tratti di partecipazione non qualificata, o qualificata.


Partecipa alla discussione sul forum.