Aerotaxi: l’IVA la paga il cliente


Con la risoluzione n. 111/E del 27 dicembre, l’Agenzia delle Entrate si è pronunciata sul tema della determinazione della base imponibile IVA delle prestazioni di trasporto passeggeri aerotaxi rese dalle compagnie aeree. La pronuncia risponde ad un interpello in cui si chiedeva se l’imposta erariale sui voli dei passeggeri di aerotaxi concorresse a determinare la base imponibile delle prestazioni di trasporto passeggeri effettuate e dovesse essere assoggettata ad IVA. La risposta: per la determinazione della base imponibile delle prestazioni di aerotaxi, coerentemente al sistema dell’IVA che mira a gravare unicamente il consumatore finale, non costituisce corrispettivo rilevante ai fini IVA la somma pagata dal passeggero a titolo d’imposta sul volo di aerotaxi, la cui causa dell’obbligazione al pagamento non risiede nel servizio acquistato e non può ritenersi direttamente connesso allo stesso.


Partecipa alla discussione sul forum.