Adempimenti: le vecchie dichiarazioni d’intento restano in auge fino all’11 febbraio

L’Agenzia delle Entrate ha comunicato che è disponibile il nuovo software aggiornato per la compilazione e il controllo delle nuove dichiarazioni di intento. La disciplina transitoria stabilisce che, fino all’11 febbraio 2015, gli operatori possono continuare a consegnare o inviare la dichiarazione d’intento al proprio cedente o prestatore, secondo le vecchie modalità. In questo specifico caso, il fornitore non dovrà verificare l’avvenuta presentazione della dichiarazione d’intento all’Agenzia delle Entrate. Per le dichiarazioni d’intento che esplicano effetti anche per operazioni poste in essere successivamente all’11 febbraio 2015, vige l’obbligo, a partire dal 12 febbraio 2015, di trasmettere le dichiarazioni in via telematica e di riscontrare l’avvenuta presentazione della dichiarazione all’Agenzia delle Entrate.


Partecipa alla discussione sul forum.