Adempimenti: fino al 31 ottobre la remissione in bonis

C’è tempo fino al 31 ottobre per utilizzare l’istituto della remissione in bonis e versare la sanzione fissa di 250 euro. La remissione in bonis è un ravvedimento operoso che consente di inviare comunicazioni e dati all’Agenzia delle Entrate o esercitare opzioni per l’accesso a regimi fiscali agevolativi anche oltre il termine di scadenza. Per aderirvi è necessario versare la sanzione con modello F24 elide; i codici tributo utili sono 8114” denominato “Sanzione di cui all’art. 11, comma 1, d.lgs. n. 471/1997, dovuta ai sensi dell’articolo 2, comma 1, del d.l. n. 16/2012 – REMISSIONE IN BONIS”; “8115” denominato “Sanzione di cui all’art. 11, comma 1, d.lgs. n. 471/1997, dovuta ai sensi dell’articolo 2, comma 2, del d.l. n. 16/2012 – REMISSIONE IN BONIS 5 per mille”.

Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it