ACCERTAMENTO: nel mirino le compensazioni con crediti inesistenti

Il Fisco guarda ai crediti inesistenti compensati in F24, inasprendo le sanzioni ed allungando i tempi di prescrizione. La sanzione prevista per chi utilizza detti crediti oltre la soglia dei 50mila euro per anno, viene stabilita pari al 200% dei crediti compensati (art. 7, c. 2, DL 5/09). Sono allungati i tempi di prescrizione, il DL 185/08 – art. 27, c. 16 e seguenti – porta il termine entro il quale notificare l’atto per il recupero del credito, al 31 dicembre dell’ottavo anno successivo a quello in cui vi è stato l’utilizzo, indipendentemente dal fatto che si superi o meno la soglia di rilevanza penale della compensazione indebita.

Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it