ACCERTAMENTO: la rivalutazione dei terreni


L’affrancamento dei terreni è una decisione revocabile, così recita la sentenza 71/66/2011 della Ctr Lombardia sezione di Brescia. L’operazione di rivalutazione dei valori di acquisto dei terreni prevista dall’art. 7 della Finanziaria 2002, è completamente facoltativa. Il caso in esame, che ha portato al dettato della sentenza, ha preso spunto dalla scelta fatta da un contribuente di rideterminare il valore di acquisto di terreni di proprietà in prospettiva che potessero divenire edificabili. Dopo avere versato la prima rata dell’imposta sostitutiva (4% del valore di perizia giurata) e compilata la sezione X del quadro RM del modello Unico, aveva omesso il pagamento delle residue rate, manifestando espressamente la propria volontà di revocare la scelta iniziale mediante presentazione nel corso dell’anno successivo di un’istanza di rimborso della prima rata già versata.


Partecipa alla discussione sul forum.

ACCERTAMENTO: la rivalutazione dei terreni


L’affrancamento dei terreni è una decisione revocabile, così recita la sentenza 71/66/2011 della Ctr Lombardia sezione di Brescia. L’operazione di rivalutazione dei valori di acquisto dei terreni prevista dall’art. 7 della Finanziaria 2002, è completamente facoltativa. Il caso in esame, che ha portato al dettato della sentenza, ha preso spunto dalla scelta fatta da un contribuente di rideterminare il valore di acquisto di terreni di proprietà in prospettiva che potessero divenire edificabili. Dopo avere versato la prima rata dell’imposta sostitutiva (4% del valore di perizia giurata) e compilata la sezione X del quadro RM del modello Unico, aveva omesso il pagamento delle residue rate, manifestando espressamente la propria volontà di revocare la scelta iniziale mediante presentazione nel corso dell’anno successivo di un’istanza di rimborso della prima rata già versata.


Partecipa alla discussione sul forum.