Accertamento e riscossione: rateazione degli avvisi bonari e riamissione alla rateazione equitalia


L’Agenzia delle Entrate ha fornito precisazioni in materia di riscossione. Riguardo la rateazione degli avvisi bonari non è prevista la possibilità di poter ottenere piani con rate trimestrali decrescenti o crescenti. Anche se il Dl n. 159/2015 nel riformulare l’articolo 3-bis del Dl n. 462/1997 ha eliminato il comma 6-bis, le somme dovute a seguito dei controlli automatizzati delle dichiarazioni dei redditi potranno essere dilazionate esclusivamente tramite rate trimestrali di pari importo. Per quanto attiene alla riammissione da un piano di rateazione decaduto nei trentasei mesi antecedenti al 15 ottobre 2015 ai sensi dell’articolo 1, comma 134, della legge di stabilità 2016, l’Agenzia ha chiarito che con la ripresa dei pagamenti delle rate viene meno la ratio della sanzione del 60% dovuta in caso di decadenza dalla rateazione.


Partecipa alla discussione sul forum.