Accertamento e riscossione: la sanatoria cartelle

di Angelo Facchini

Pubblicato il 26 ottobre 2016



  La sanatoria cartelle consente un risparmio fino al 35%; l’aggio resta dovuto. I benefici maggiori sono per i ruoli più vecchi. Tanto è disposto dal decreto legge 22 ottobre 2016, n. 193 pubblicato sulla GU n. 249 del 24 ottobre. Possono essere rottamati tutti i ruoli relativi a imposte, compresa l'Iva, ai tributi, nonché a contributi previdenziali e assistenziali affidati rispettivamente dall'agenzia delle Entrate e dall'Inps o Inail all'agente della riscossione dal 2000 al 2015. Rientrano nella sanatoria anche i ruoli relativi a sanzioni derivanti da violazioni del Codice della strada. Anche i ruoli emessi da Regioni, Province, Città metropolitane e Comuni, relativi per esempio all'Ici o alla tassa sui rifiuti, rientrano automaticamente nella rottamazione. Chi ha già in corso una dilazione con Equitalia potrà accedere alla rottamazione, a condizione però che le rate in scadenza dal 1° ottobre al 31 dicembre 2016 vengano pagate.