Accertamento e rideterminazione del ricarico: per disattenderlo i giudici devono motivare il perché

Accertamento e rideterminazione del ricarico: per disattenderlo i giudici devono motivare il perché

L’Agenzia delle entrate può accertare i maggiori ricavi non dichiarati, ai sensi dell’art. 39, primo comma, lett. d) del DPR n. 600 del 1973 anche in presenza di una contabilità regolarmente tenuta sotto il profilo formale ma che risulti in generale inattendibile. Per disattendere la ricostruzione operata dall’Ufficio i giudici devono motivare la scelta di applicare una percentuale di ricarico inferiore rispetto a quella accertata. E’ la motivazione dell’ordinanza di Cassazione n. 8923 dell’11 aprile 2018, con la quale si accoglie il ricorso presentato dall’Agenzia delle entrate.

Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it