Accertamenti: la Guardia di Finanza a caccia degli “incoerenti”

La Guardia di Finanza ha rilasciato ai reparti cinque nuovi applicativi informatici e aggiornato due procedure: lo Spesometro integrato e i Negozi giuridici. Tra i nuovi dati messi a disposizione dei reparti ci sono quelle rilevanti ai fini Iva comunicate alle Entrate, gli acquisti di beni e di prestazioni di servizi legati al turismo con importi inferiori a 1.000 euro effettuati presso commercianti al minuto e le agenzie di viaggio da cittadini non italiani e comunque extracomunitari residenti fuori dallo Stato, i dati acquisiti da operatori di San Marino e le operazioni effettuate con in Paesi black list. Tra i dati inseriti anche quelli dei contratti di leasing ricavati da modelli Intrastat, bollette doganali, comunicazioni Iva e dichiarazioni Iva.


Partecipa alla discussione sul forum.