Articoli a cura di Corso di Contabilità


Ricerca in corso...

Corso pratico di contabilità
Quali sono le scritture contabili che si devono fare dopo aver assegnato un immobile ai soci? In questo articolo approfondiamo i profili contabili dell'operazione con esempi pratici di scritture in partita doppia relative all'estromissione del bene a favore dei soci

Bilancio Corso pratico di contabilità
La rilevazione delle imposte nel bilancio d'esercizio è uno dei momenti più importanti della stesura del documento, posto che la rilevazione deve tener conto di imposte correnti, differite ed anticipate: nell'articolo ci occupiamo del tema fornendo qualche esemplificazione pratica

Corso pratico di contabilità IVA Armonizzazione contabile e principi contabili
L'introduzione dello split payment genera una serie di problematiche contabili relative al fatto che nelle fatture verso la Pubblica Amministrazione l'IVA è esposta ma non viene incassata dal fornitore: una guida pratica alle scritture contabili

Corso pratico di contabilità
Gli acconti ricevuti rappresentano dei debiti verso il soggetto che li ha corrisposti. Il nuovo O.I.C. 19 e in parte anche il nuovo O.I.C. 23 se ne occupano diffusamente, tracciando un quadro completo dei comportamenti contabili da seguire

Corso pratico di contabilità
Il recente aggiornamento del principio OIC 16 rende necessario un ripasso sulla gestione degli ammortamenti dei beni ad utilità pluriennale. Vediamo quali gli obblighi degli amministratori delle società degli analisti esterni chiamati ad esaminare le performace aziendali. Nel presente articolo ci occuperemo di esaminare le conseguenze del cambiamento di indirizzo assunto dall’Organismo Italiano di Contabilità

Contributi e finanziamenti Corso pratico di contabilità
Esempi pratici della gestione contabile del credito d'imposta del 15% che è disponibile dal 25 giugno 2014 per l'acquisto di beni ammortizzabili

Corso pratico di contabilità
Analisi ed esempi pratici della gestione contabile degli acconti pagati ai fornitori: tali tempistiche di pagamento ai fornitori generano spesso dubbi nelle registrazioni contabili

Corso pratico di contabilità F24 telematico
Analizziamo le implicazioni contabili (con l'esempio pratico delle scritture da effettuare) per i contribuenti che compensano i propri debiti tributari con crediti vantati verso la Pubblica Amministrazione

Corso pratico di contabilità IVA
L'adesione al regime dell'IVA liquidata per cassa propone alcune particolarità nella gestione contabile: pubblichiamo una ottima guida operativa di 10 pagine alla gestione della contabilità del regime IVA per cassa

Corso pratico di contabilità
La legge di stabilità 2013 ha riaperto i termini per la possibilità di rideterminare il valore di acquisto dei beni aziendali al relativo «valore economico» sia da un punto di vista civilistico sia da un punto di vista fiscale: in questo articolo ci occuperemo del tema esaminandone gli aspetti operativi e contabili

Corso pratico di contabilità
Analisi delle novità entrate in vigore nel 2012 sulla contabilizzazione del leasing cd. "finanziario" e degli obblighi che ne derivano di rilevare le conseguenti imposte differite

Corso pratico di contabilità Diritto fallimentare
Gli "accordi di ristrutturazione dei debiti" sono uno strumento molto utilizzato dalle imprese in questo periodo di crisi economica: ecco come vanno gestite contabilmente le operazioni di riduzione del debito/credito e come vanno esplicitate in bilancio d'esercizio

Corso pratico di contabilità
Nelle vendite con patto di riscatto il venditore può esercitare il diritto di riscatto al massimo entro due anni se si tratta di cosa mobile ed entro cinque anni se si tratta di un immobile: quali sono le particolarità nella contabilizzazione di questi contratti?

Corso pratico di contabilità Novità legislative Modello Redditi - Unico
In questa lezione del nostro corso pratico di contabilità illustriamo le modalità di calcolo e contabilizzazione dell'agevolazione A.C.E., da inserire già in Unico 2012

Corso pratico di contabilità
Dedichiamo questa lezione del nostro corso di contabilità alle registrazioni necessarie per rilevare correttamente tale imposta derivante dal TFR maturato dai dipendenti

Corso pratico di contabilità
Quali sono gli aspetti fiscali e come vanno registrati correttamente in contabilità i premi (o sconti) concessi ai clienti per incentivare le vendite?

Corso pratico di contabilità
L'investimento nelle immobilizzazioni materiali deve essere valutato, al pari di qualunque altro investimento, alla luce del tasso di rendimento che esso può assicurare. A tale scopo, la dottrina ha messo a disposizione diversi metodi per poter stabilire la convenienza economica ad effettuare l'impiego strumentale programmato

Corso pratico di contabilità
La lezione di ragioneria del mese di maggio si occupa delle problematiche di contabilizzazione e bilancio degli investimenti finanziari in valori mobiliari immobilizzati, anche alla luce delle indicazioni del principio contabile n. 20

Corso pratico di contabilità IRES
Mentre le spese per le manutenzioni sono quelle che concorrono a mantenere in efficienza l’apparato strumentale aziendale, con la conseguente necessità di stabilire dei piani di manutenzione delle immobilizzazioni, le spese per le riparazioni, sono quelle sostenute per rimediare a guasti o a rotture associate ad eventi imprevedibili, per i quali non appare sempre agevole formulare una programmazione di interventi che permetta di evitare il danno o la rottura.

Auto & Fisco Corso pratico di contabilità
La deduzione dei costi e la detrazione dell’I.V.A. connessa all’uso degli autoveicoli è differentemente articolata a seconda che gli autoveicoli abbiano la caratteristica di beni ad uso: - esclusivamente aziendale; - in parte aziendale e in parte extraaziendale; - totalmente extra-aziendale.

Corso pratico di contabilità OPERAZIONI STRAORDINARIE (cessione azienda, trasformazione, fusione, liquidazione, scissione)
L’acquisto di azioni proprie (denominato in inglese buy back) può aver luogo per i seguenti motivi: • sostenere le quotazioni di mercato al fine di contrastare attacchi speculativi al ribasso; • rastrellare azioni sociali disponibili sul mercato per difendersi da possibili scalate da parte di soggetti “non graditi” dal gruppo di comando della società; • disporre di azioni proprie da scambiare con una partecipazione in un'altra società; • liquidare ai prezzi correnti di mercato un socio che - potendo recedere dalla società - resterebbe danneggiato da un rimborso fatto al prezzo medio dell’ultimo semestre, quando in tale periodo le quotazioni siano state particolarmente depresse; - in vista di una riduzione di capitale sociale

Corso pratico di contabilità
Il conferimento di beni in natura se effettuato nei confronti di una società di capitali (S.p.A., S.a.p.A. o S.r.l.) deve rispettare le condizioni poste dall’art. 2343 e 2465 del codice civile, che sia pure con sfumature diverse impongono al conferente di accompagnare il conferimento di beni in natura disgiunti o congiunti, con una relazione di stima di un esperto che descriva il bene conferito, ne indichi il valore ed i criteri di valutazione seguiti, con l’attestazione che il valore è almeno pari all’importo utilizzato ai fini del capitale sottoscritto.

Corso pratico di contabilità OPERAZIONI STRAORDINARIE (cessione azienda, trasformazione, fusione, liquidazione, scissione)
A mente dell’art. 2556 co. 2 del codice civile, i contratti che comportano il trasferimento di un complesso aziendale o di un ramo di esso, devono essere redatti per atto scritto nella forma dell’atto pubblico o della scrittura privata autenticata e depositati entro 30 gg. presso l’Ufficio del Registro delle imprese a cura del notaio rogante o autenticante. Le cessioni d’azienda, a differenza di istituti giuridici analoghi negli effetti conseguenti al trapasso del complesso aziendale (il conferimento d’azienda, la fusione, la scissione), hanno carattere traslativo, contrapposto al carattere riorganizzativo delle altre procedure straordinarie, con implicazioni fiscali differenti in termini di valori assunti e valevoli ai fini fiscali dal soggetto cessionario.

Corso pratico di contabilità
L'associazione in partecipazione è uno dei contratti tipici disciplinati dalla codificazione civilistica italiana. Esso è il negozio giuridico con il quale una parte (l'associante) attribuisce ad un'altra (l'associato) il diritto ad una partecipazione agli utili della propria impresa o, in base alla volontà delle parti contraenti, di uno o più affari determinati, dietro il corrispettivo di un apporto da parte dell'associato. Tale apporto, secondo la giurisprudenza prevalente, può essere di natura patrimoniale ma potrà anche consistere nell'apporto di lavoro, o nell'apporto misto capitale/lavoro.

Corso pratico di contabilità OPERAZIONI STRAORDINARIE (cessione azienda, trasformazione, fusione, liquidazione, scissione) Diritto Commerciale
L’affitto d’azienda è disciplinato dall’art. 2562 del cod. civ. che stabilisce l’applicazione al contratto in discussione, delle disposizioni in materia di usufrutto d’azienda (art. 2561 del cod. civ.). L’esercizio dell’impresa deve avvenire salvaguardando la ditta del concedente, senza modificarne la destinazione e in modo da conservare l’efficienza dell’organizzazione e degli impianti e le normali dotazioni di scorte. Determinante è la parte normativa che riguarda la regolazione delle cosiddette differenze inventariali (o conguaglio finale d’affitto) che cambia a seconda dell’esistenza nel contratto di una clausola che deroghi al disposto dell’art. 2561, co. 4 del cod. civ.

Corso pratico di contabilità
Le disposizioni relative alla società sportive professionistiche, sono contenute nella L. 23/03/1981, n. 91 e nelle norme organizzative interne delle federazioni sportive alle quali le società appartengono. Esse sono tenute a dotarsi di un piano dei conti che rifletta in modo specifico le peculiari caratteristiche del settore sportivo, nonché al rispetto dei principi contabili (che nel settore sono definiti raccomandazioni contabili) predisposti dalle Federazioni.

Corso pratico di contabilità Diritto Commerciale
Il franchising è un sistema di collaborazione tra più imprese, nel quale una parte definita franchisor (affiliante) concede verso corrispettivo ad altri soggetti definiti franchisee (affiliati), la facoltà di entrare a far parte della propria struttura distributiva, con il diritto di sfruttare brevetti, marchi, nome, ditta, insegne, formule e conoscenze tecnico-scientifiche e/o commerciali.

Professione Consulente Corso pratico di contabilità
Uno strumento molto utile per evitare che la società versi le imposte e contemporaneamente i soci/associati chiudano a credito: il tema della retrocessione delle ritenute residue IRPEF alla società, non fruibili da parte dei soci per avvenuto azzeramento del proprio carico tributario IRPEF, permette di realizzare, nel comparto delle società di persone e delle associazioni professionali, una sorta di cash pooling fiscale bidirezionale. In altri termini, a fronte dell’obbligo della società di persone e delle associazioni professionali di trasferire ai soci o associati le ritenute subite a titolo di IRPEF, per inesistenza in capo alla società della soggettività passiva ai fini del tributo personale, si introduce la possibilità che per mezzo di apposito atto avente data certa, i soci o associati possano riattribuire alla società o associazione, quanto residui a titolo di ritenute IRPEF, dopo l’azzeramento del proprio debito tributario, affinché la società possa compensare i crediti ritrasferiti, con i propri debiti tributari e contributivi.

Corso pratico di contabilità IVA
L’analisi delle problematiche amministrativo?contabili delle rivendite di generi di monopolio, è sempre abbastanza complessa, sia per l’esistenza di una normativa specifica che disciplina il settore ( L. 22/12/1957 n. 1293) sia per la presenza di attività che si pongono in parte escluse dal regime IVA e in parte rientranti sia come operazioni imponibili, sia come operazioni esenti, con problemi di gestione del pro?rata di detraibilità dell’IVA. Da un punto di vista IVA l’art. di riferimento è l’art. 74 DPR 633/72.

Corso pratico di contabilità Società Diritto Commerciale
L’art. 2602 del cod. civ. stabilisce che con il contratto di consorzio più imprenditori istituiscono un'organizzazione comune per la disciplina o per lo svolgimento di determinate fasi delle rispettive imprese. Una nozione volutamente generica, che serviva, sin dalla sua formulazione, a superare l’opinione dominante che vedeva nel consorzio una struttura palesemente anti-concorrenziale, un sotto-tipo di “cartello”, che si realizzava attraverso l’istituzione di un’organizzazione comune.

1 2 3 4
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it