Cause ostative all’applicazione del regime forfettario: il periodo di preavviso – Diario Quotidiano del 26 Maggio 2021

di Vincenzo D'Andò

Pubblicato il 26 maggio 2021

Nel Dq del 26 Maggio 2021:
1) Imposta unica sulle scommesse e centri di trasmissione dati
2) Tassazione dell’assegno divorzile
3) Inapplicabilità del raddoppio del contributo unificato
4) Agevolazioni per le attività di agriturismo
5) Inammissibilità del ricorso per incertezza del “petitum”
6) Imposta di registro e legittimità della norma di interpretazione autentica
7) Coordinamento tra nuova disciplina in materia di exit/entry tax e regime di participation exemption
8) Criteri per l’individuazione degli elementi di incoerenza delle dichiarazioni 730/2021
9) Contributo a fondo perduto centri storici dei Comuni capoluogo di provincia o di città metropolitana ad alta densità turistica straniera
NOTIZIA IN EVIDENZA - 10) Cause ostative all’applicazione del regime forfettario

10) Cause ostative all’applicazione del regime forfettario: il periodo di preavviso

L’Agenzia delle entrate, è tornata a fornire dei chiarimenti in merito all’accesso al regime forfettario nel 2021, da parte di un ex lavoratore che aveva cessato il rapporto di lavoro dipendente, per motivi legati al preavviso, solo nel 2021.

Leggi qui tutti i nostri approfondimenti dedicati al regime forfettario

 

Accesso al regime forfettario e preavviso: il parere del Fisco

La legge n. 190 del 2014, all’articolo 1, commi da 54 a 89, ha introdotto un regime fiscale agevolato, c.d. regime forfettario, rivolto ai contribuenti persone fisiche esercenti attività d’impresa, arti o professioni in possesso di determinati requisiti.

Successivamente, l’articolo 1, commi da 9 a 11, della le