Messo notificatore: contribuente irreperibile, che fare? – Diario Quotidiano del 12 Aprile 2021

di Vincenzo D'Andò

Pubblicato il 12 aprile 2021



Nel DQ del 12 Aprile 2021:
NOTIZIE IN EVIDENZA - 1) Messo notificatore: contribuente irreperibile, che fare?
2) Imposta di registro: l’avviso ricevuto con i soli estremi va pagato senza capire di cosa si tratta?
3) Decreto Sostegni: contributi a fondo perduto, arrivati i primi soldi
4) Emissione BTP al fine di finanziare le misure per la ripresa economica dal Covid-19
5) Fusione UBI Banca in Intesa Sanpaolo: nuovo IBAN per i pagamenti
6) Bonus baby-sitting: attivo il servizio online per presentare la domanda
7) Prestazioni a sostegno del reddito: aggiornate le modalità di pagamento
8) Conclusione dei procedimenti amministrativi: il regolamento
9) Liquidazione dell’indennità una tantum: a chi spetta
10) Superbonus non spetta per gli interventi sui locali non pertinenti alle unità abitative
11) Imposta di registro per i provvedimenti di occupazione temporanea delle aree necessarie alla realizzazione delle opere relative alle infrastrutture lineari energetiche
12) Trattamento agevolativo per gli atti traslativi a titolo oneroso di terreni agricoli adibiti all'imboschimento
13) Non spetta il bonus prima casa sulla cessione di terreni edificabili
14) Non spetta il bonus prima casa anche se i ritardi sono dovuti al Covid-19
15) Tenuta e conservazione dei documenti informatici fiscalmente rilevanti: la tesi delle entrate contrasta con la normativa di semplificazione

1) Messo notificatore: contribuente irreperibile, che fare?

In attesa che decolli la notifica degli atti esattoriali tramite la telematica (in atto la notifica via Pec viene imposta solo al popolo delle partite IVA), in giurisprudenza si assiste ancora al dibattito delle notifiche degli atti cartacei, attraverso i messi notificatori.

Nel contesto da registrare, segnaliamo l’ordinanza n. 9292 del 7 aprile 2021 della Corte di cassazione, secondo cui, per le notifiche, l’irreperibilità obbliga il messo a cercare il contribuente.

Non è sufficiente il semplice controllo delle risultanze del certificato anagrafico.

Le verifiche sono, quindi, necessarie anche se altri tentativi non sono andati a buon fine.

 

La decisione della Cassazione: il caso contribuente irreperib