Nuovi incentivi Start-up e Pmi: le domande si presentano fino al 30 aprile 2021 – Diario Quotidiano del 2 Marzo 2021

di Vincenzo D'Andò

Pubblicato il 2 marzo 2021



Nel DQ del 2 Marzo 2021:
1) E-commerce: norme europee sull’IVA
2) Riforma dello sport: prestatore amatoriale da assoggettare ad INPS
3) Prorogati i termini per il versamento delle rate della rottamazione ter e del saldo e stralcio
4) Consultazione/acquisizione delle fatture elettroniche estesa ora fino al 30 giugno 2021
5) Istituiti dei codici tributo per l’utilizzo in compensazione del credito d’imposta per gli investimenti in ricerca e sviluppo, transizione ecologica, innovazione tecnologica 4.0 e altre attività innovative
6) Modello F24: istituiti i codici tributo per il versamento dell’imposta sui servizi digitali (DST)
7) Tax credit per cinema: nuovi beneficiari in quattro elenchi
NOTIZIA IN EVIDENZA - 8) Nuovi incentivi Start-up e Pmi: le domande si presentano fino al 30 aprile 2021
9) Doveri del commercialista sui social media nel Codice deontologico
10) Alitalia: INPS ha erogato le indennità concordate

8) Nuovi incentivi Start-up e Pmi: le domande si presentano fino al 30 aprile 2021

Commercialista Telematico - Software,ebook,videoconferenzeNuovi incentivi start-up e Pmi: le domande vanno presentate, dal 1° marzo al 30 aprile, tramite l’apposita piattaforma informatica resa disponibile dal Mise, dalle imprese che hanno già effettuato investimenti nel corso dell’anno 2020

Definite le modalità operative di accesso agli incentivi fiscali per le persone fisiche in regime de minimis che investono in start-up e Pmi innovative. Per gli investimenti 2020 la finestra temporale per le richieste va dal 1° marzo al 30 aprile 2021.

La presentazione dell’istanza, la registrazione e la verifica dell’aiuto “de minimis” andrà effettuata esclusivamente tramite la piattaforma informatica predisposta dal Ministero delle sviluppo economico.

 

Istruzioni dal MISE

L’agevolazione consiste in una detrazione Irpef pari al 50% del capitale investito ed è fruibile per le start-up fino a 100mila euro per ciascun periodo di imposta, per le Pmi fino a un massimo di 300mila euro.

In quest’ultimo caso sulla parte eccedente l'investitore può detrarre