Terzo settore: nomina dell’organo di controllo e del revisore legale dei conti - Diario Quotidiano del 4 Novembre 2020

Nel DQ del 4 Novembre 2020:
1) Niente agevolazioni fiscali se nel trust manca il soggetto preposto al controllo
2) Detrazione per interventi finalizzati alla riduzione del rischio sismico con asseverazione tardiva
3) Via libera all’opzione per la cessione del credito da parte del contribuente in regime forfetario
4) Sisma bonus fruibile anche da imprese per gli immobili beni merce
5) Donazione di azienda in regime di contabilità semplificata
6) Il bonus facciate spetta anche per gli immobili patrimonio
7) Modalità di calcolo della riduzione del fatturato in ipotesi di consorzio in presenza di plusvalenze derivanti dalla cessione di bene immobili
NOTIZIA IN EVIDENZA – 8) Terzo settore: nomina dell’organo di controllo e del revisore legale dei conti, decorrenza obbligo
9) Documento interpretativo sugli aspetti contabili della rivalutazione dei beni d’impresa e delle partecipazioni
10) Bonus facciate e Brevi di Fisco (interpelli e giurisprudenza)

8) Terzo settore: nomina dell’organo di controllo e del revisore legale dei conti, decorrenza obbligo

terzo settore revisoreSul tema specifico del Codice del Terzo Settore, il Ministero del lavoro ha pubblicato, il 2 novembre 2020, la seguente nota.

 

La nota del Ministero del Lavoro

Con la nota n. Prot. 220-20/CF/mn del 29.10.2020, codesta Associazione ha formulato un quesito volto a conoscere la decorrenza dell’obbligo di nomina dell’organo di controllo e del revisore legale dei conti, al verificarsi dei presupposti previsti dalle disposizioni richiamate in oggetto.

Come è noto l’articolo 30 del Codice del Terzo settore, al comma 1, prevede l’obbligo per le fondazioni di dotarsi dell’organo di controllo.

Il successivo comma 2 pone in capo agli enti del Terzo settore costituiti in forma associativa l’obbligo di provvedere alla nomina dell’organo di controllo solo in presenza del superamento, per due esercizi consecutivi, di due dei seguenti limiti:

  1. totale dell’attivo dello stato patrimoniale: 110.000,00 euro;
  2. ricavi, rendite, proventi, entrate comunque denominate: 220.000,00 euro;
  3. dipendenti occupati in media durante l’esercizio: 5 unità.

Il successivo articolo 31 prevede, per le associazioni e le fondazioni del Terzo settore l’obbligo di nomina di un revisore legale dei conti o di una società di revisione legale iscritta nell’apposito registro al verificarsi del superamento, per due esercizi consecutivi, di due dei seguenti limiti:

  1. totale dell’attivo dello stato patrimoniale: 1.100.000,00 euro;
  2. ricavi, rendite, proventi, entrate comunque denominate: 2.200.000,00 euro;
  3. dipendenti occupati in media durante l’esercizio: 12 unità.

Resta ferma la possibilità per gli enti obbligati di incaricare l’organo di controllo interno della revisione legale dei conti, al verificarsi del presupposto di cui al citato comma 2: ai fini del legittimo esercizio di tale opzione, sarà necessario che tutti i componenti dell’organo di controllo siano revisori legali iscritti nell’apposito registro.

L’associazione richiedente intende quindi conoscere il termine iniziale dal quale parte il “periodo di osservazione” (“due esercizi consecutivi”) avente ad oggetto la verifica del superamento dei limiti dimensionali sopra ricordati.

La risposta al quesito deve essere fornita mediante l’applicazione del criterio interpretativo esplicitato nella ministeriale n.12604 del 29.12.2017, secondo il quale sono immediatamente applicabili, a far data dall’entrata in vigore del d.lgs. n.117/2017, le norme del codice del Terzo settore che non presentano un nesso di diretta riconducibilità all’istituzione ed all’operatività del registro unico nazionale, ovvero all’adozione di successivi provvedimenti attuativi.

Sulla base di tale lettura, gli artt. 30 e 31, in quanto inerenti all’organizzazione interna degli ETS, non presentano alcun vincolo di condizionalità rispetto all’operatività del RUNTS, né tanto meno necessitano dell’adozione di una successiva regolazione pubblicistica di dettaglio.

D’altro canto poiché le norme fanno riferimento ad un aspetto temporale diacronico, quale l’esercizio finanziario, si deve ritenere, nella cornice dell’ immediata efficacia delle stesse, che il computo dei due esercizi consecutivi debba partire dall’esercizio 2018, sicché la verifica dell’eventuale integrazione dei presupposti dimensionali fissati dal legislatore andrà fatta considerando i dati di consuntivo del bilancio di esercizio relativo agli anni 2018 e 2019.

(Ministero del lavoro, nota n. 11560 del 2 novembre 2020)

A cura di Vincenzo D’Andò

Mercoledì 4 novembre 2020

Scarica la versione integrale del Diario Quotidiano di oggi cliccando sul tasto rosso qui sotto>>>

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it