Sì all’esenzione IMU per l’immobile al coniuge separato di fatto - Diario Quotidiano del 5 Novembre 2020

Nel DQ del 5 Novembre 2020:
1) Niente Iva sull’indennità per la perdita d’avviamento dovuta al conduttore dell’immobile commerciale sulla cessazione della locazione
2) Dl ristori: sostegno del Fisco alle Imprese
3) Dl ristori: le misure di lavoro
4) Dl Ristori: le misure sulla salute e sicurezza
5) Accertamenti fiscali nei confronti dei lavoratori autonomi da rivedere
6) Inadempimento del conduttore: la clausola sugli interessi di mora non vuole l’imposta di registro fissa
NOTIZIA IN EVIDENZA – 7) Sì all’esenzione IMU per l’immobile al coniuge separato di fatto
8) Conversione delle DTA a seguito della cessione di crediti deteriorati
9) Bonus facciate ed altri interpelli del Fisco
10) Commercialisti: occorre il Testo Unico delle interpretazioni sul Superbonus 110%

7) Sì all’esenzione IMU per l’immobile al coniuge separato di fatto

esenzione imu immobile coniugeIl coniuge, che si è separato di fatto – mantenendo la residenza nell’immobile nel quale fruisce delle agevolazioni -, non deve pagare l’IMU.

Lo ha stabilito la Corte di cassazione che, con la sentenza n. 24294 del 3 novembre 2020, ha accolto il ricorso del contribuente che, a seguito della crisi coniugale, era rimasto nell’abitazione principale oggetto di esenzione da imposta comunale, mentre l’altro coniuge con i figli si era trasferito in altra abitazione di una diversa città.

Dunque, la Suprema corte è tornata sulla questione della spettanza del bonus legato al nucleo familiare, introducendo il principio in tema di Imu, secondo cui l’agevolazione prima casa è applicabile anche al coniuge separato di fatto che ha la residenza nell’immobile coniugale, non rilevando il trasferimento dell’altro coniuge in altra abitazione sita in un diverso Comune.

Come è noto, la spettanza dell’agevolazione in esame è legata alla circostanza che il contribuente dimori in un immobile di cui è proprietario (o titolare di altro diritto reale), che costituisce dimora abituale non solo propria, ma anche dei suoi familiari.

Ma, come viene specificato adesso dai giudici supremi, qualora avvenga la separazione tra i coniugi, nel caso di specie solo di fatto, il diritto al beneficio permane a favore per il familiare residente nell’abitazione.

Nel caso sotto esame, a parere della Cassazione l’agevolazione spetta, quindi, al coniuge separato di fatto che mantiene la residenza nell’immobile coniugale, non rilevando il trasferimento dell’altro coniuge in altra abitazione sita in un diverso Comune.

 

Separazione di fatto

La separazione di fatto è l’interruzione effettiva, da parte di uno o di entrambi i coniugi, della vita matrimoniale senza che sia intervenuto un provvedimento giudiziale che autorizzi la coppia a vivere separatamente.

 

Separazione legale e di fatto: differenze

La principale distinzione che può essere operata all’interno dell’istituto della separazione è quella che contrappone la separazione legale, a sua volta di due tipi (la separazione giudiziale e la separazione consensuale), alla separazione di fatto.

Per la separazione legale è previsto comunque un vaglio dell’autorità giudiziaria, che interviene stabilendo le condizioni da imporre ai coniugi con sentenza (separazione giudiziale) oppure con l’emanazione di un decreto di omologazione degli accordi raggiunti dai coniugi (separazione consensuale).

La separazione di fatto, invece, costituisce il modo più agevole e rapido per manifestare l’esistenza di una crisi e consiste nell’effettiva interruzione, da parte di uno o di entrambi i coniugi, del proprio apporto psicologico e/o patrimoniale alla famiglia.

A cura di Vincenzo D’Andò

Giovedì 5 novembre 2020

Scarica la versione integrale del Diario Quotidiano di oggi cliccando sul tasto rosso qui sotto>>>

A proposito di IMU e esenzioni da Decreto Ristori – Esenzione seconda rata IMU: il punto dopo il Decreto Ristori di Celenze Vivenzi

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it