Bonus beni strumentali 4.0: chiarimenti dal Fisco - Diario Quotidiano del 16 Novembre 2020

Nel DQ del 16 Novembre 2020:
1) Ok alla detrazione Iva anche se il progetto si ferma
2) Provvedimento AdE da Covid-19: dal 18 novembre 2020 gli aiuti alle imprese nei centri storici
3) Il bonus adeguamento ambienti di lavoro non spetta sugli extra
4) Covid-19: sospensione dei versamenti dei contributi previdenziali e assistenziali
NOTIZIA IN EVIDENZA – 5) Bonus beni strumentali 4.0: chiarimenti dal Fisco
6) Gli interventi effettuati sull’altana – Risposte del Fisco in breve
7) Dl “Ristori-bis”: versamenti di novembre in stand-by
8) Dl Ristori bis: nuovo rapido aiuto per lavoratori e imprese illustrato dal MEF
9) Consultabile l’ultimo studio del Notariato sulla trasformazione, fusione e scissione degli enti esercenti imprese sociali
10) Le ultimissime dall’Agenzia Entrate
11) Premio nascita: chiarimenti dall’INPS sulla presentazione della domanda
12) Esonero dal versamento dei contributi previdenziali per aziende che non richiedono trattamenti di cassa integrazione: Dall’INPS le indicazioni operative

5) Bonus beni strumentali 4.0: chiarimenti ministeriali

L’Agenzia delle entrate nella risposta n. 542 del 12 novembre 2020, riporta il seguente parere del Ministero dello Sviluppo Economico sul quesito posto da una società che opera nel settore dei rifiuti urbani che opera prevalentemente con gli enti locali con i quali sottoscrive appalti di servizi, in merito alla possibilità o meno di applicare il bonus 4.0 sull’acquisto di beni strumentali.

Il caso di autocarri e mezzi stradali

bonus beni strumentaliIl quesito posto riguarda l’applicabilità del credito d’imposta nella misura del 40% prevista dal comma 189 del citato art. 1 della legge n. 160 del 2019 agli investimenti aventi ad oggetto:

un parco mezzi autocompattatori: autocarri e/o semirimorchi (con motore ausiliario) targati con appositi dispositivi di carico automatizzato dei rifiuti, oltre a dispositivi per la loro compattazione, scarico e il trasporto presso i centri di raccolta e/o conferimento”; “un parco mezzi autospazzatrici che sono classificati sia come autocarri che mezzi d’opera, con apposita attrezzatura per il lavaggio, aspirazione e la spazzatura delle strade urbane“.

Ad avviso della società istante, i mezzi su indicati devono ritenersi dotati dei “… requisiti dell’industria 4.0…” e, in quanto tali, integralmente ricompresi nell’allegato A annesso alla legge 11 dicembre 2016, n. 232 che definisce l’ambito applicativo del citato comma 189 dell’art. 1 della legge n. 160 del 2019.

Nello specifico, la società istante ritiene che i beni oggetto d’investimento siano riconducibili alla voce punto elenco 11 del primo gruppo di detto allegato A concernente:

macchine, anche motrici e operatrici, strumenti e dispositivi per il carico e lo scarico, la movimentazione, la pesatura e la cernita automatica dei pezzi, dispositivi di sollevamento e manipolazione automatizzati, AGV e sistemi di convogliamento e movimentazione flessibili, e/o dotati di riconoscimento dei pezzi (ad esempio RFID, visori e sistemi di visione e meccatronici)“.

In particolare, con riferimento alle caratteristiche tecnologiche riferibili al paradigma 4.0, precisa la società istante, i summenzionati beni “...saranno collegati al sistema informativo aziendale che consentirà in telemetria di avere in tempo reale una serie di parametri (un PLC dotato di sensori collegati alle attrezzature del mezzo consente di avere dati sui consumi, localizzazione, cicli di carico e scarico dei rifiuti, ore di lavoro, monitoraggio degli stili di guida, segnalazione delle anomalie di funzionamento e delle sicurezze) per valutare la tipologia di lavoro, gli intervalli di manutenzione, la logistica del mezzo“.

Al riguardo, in coerenza con quanto chiarito nella circolare Agenzia Entrate – MiSE n. 4/E del 30 marzo 2017, riferita alla precedente disciplina dell’iperammortamento, ma i cui criteri generali devono considerarsi valevoli anche agli effetti del nuovo credito d’imposta, si precisa che il citato comma 189 dell’art. 1 della legge n. 160 del 2019 può applicarsi agli investimenti descritti dalla società istante limitatamente alla parte qualificabile alla stregua di macchina ai sensi della c.d. Direttiva Macchine 1; vale a dire, alle componenti e alle attrezzature idonee a realizzare lo specifico lavoro di raccolta e compattazione dei rifiuti (nel caso degli autocompattatori) ovvero di lavaggio/spazzatura delle strade (nel caso delle autospazzatrici).

A questi effetti, peraltro, non è comunque di ostacolo la circostanza che tali componenti e attrezzature siano installate su di un bene che si qualifica come veicolo ai sensi della definizione di cui all’art. 1 della Direttiva 46/2007/CE e che, in quanto tale, come chiarito nella citata circolare Agenzia Entrate – MiSE n. 4/E del 30 marzo 2017 (vedasi, in particolare, la parte terza, paragrafo 11, punto elenco 11), sarebbe escluso in via di principio dalla disciplina agevolativa.

Ciò chiarito, si ricorda che l’applicazione del credito d’imposta nella…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it