Per il servizio di telemedicina non spetta il bonus sanificazione – Diario Quotidiano del 7 Ottobre 2020

di Vincenzo D'Andò

Pubblicato il 7 ottobre 2020

Nel DQ del 7 Ottobre 2020:
1) Compensazione delle spese di lite solo in casi estremi: le gravi ed eccezionali ragioni vanno ben valutate
2) Cessione del credito: l’Agenzia delle entrate si rivale sulla società di recupero crediti
3) Rimborso credito IVA in caso di cessazione di attività: basta compilare il quadro della dichiarazione annuale (RX4)
4) I fitti attivi degli immobili di interesse storico confluiscono tra i ricavi d’impresa
5) Interposizioni fittizie trilaterali: Costi deducibili, Iva detraibile
6) Imponibilità IVA dei servizi di gestione sinistri nell’ambito dei rapporti di riassicurazione dei rischi: ramo assistenza
6) Imponibili Iva i servizi di gestione sinistri nell’ambito dei rapporti di riassicurazione dei rischi, ramo assistenza
7) Esenzione Iva per intermediazione nella cessione di partecipazioni
8) Bonus investimenti: l’integrazione delle fatture carenti ne consente la fruizione
9) Bonus locazione: spetta anche per l’affitto pagato in anticipo
NOTIZIA IN EVIDENZA - 10) Per il servizio di telemedicina non spetta il bonus sanificazione

10) Per il servizio di telemedicina non spetta il bonus sanificazione

telemedicina bonus sanificazioneBonus sanificazione: il macchinario per la telemedicina non rientra tra le spese agevolabili.

Per l’Agenzia delle entrate, risposta n. 441/E del 5 ottobre 2020, la spesa per l'acquisto del macchinario che, attraverso la rete e un applicativo web e mobile, offre servizio di telemedicina, non rientra tra quelle agevolabili ai sensi dell'articolo 125 del Dl 34/2020 (decreto Rilancio).

Secondo l’Agenzia, i