Disegno di Legge per la malattia dei liberi professionisti e la sospensione degli adempimenti - Diario quotidiano del 22 ottobre 2020

Bel DQ del 22 Ottobre 2020:
1) E’ divenuta ufficiale la proroga dei termini di notifica delle cartelle, ma con strascichi
2) Commercialisti, protocollo d’intesa con lo Sportello Unico per l’immigrazione
3) Società non quotate: In pubblica consultazione le norme di comportamento del collegio sindacale
4) Commercialisti: responsabilità professionale, il cerchio si stringe
5) Scambio automatico di informazioni su conti finanziari: ulteriori giurisdizioni oggetto di comunicazione
NOTIZIA IN EVIDENZA – 6) DDL Malattia liberi professionisti: “Iniziativa positiva, dare tutele a chi oggi non ne ha”
7) Regime fiscale del trasferimento delle partecipazioni dalla sfera istituzionale a quella commerciale di una fondazione
8) Regime fiscale dei contributi di assistenza sanitaria versati dal datore di lavoro e dal lavoratore, anche in quiescenza, ad enti o casse aventi esclusivamente fine assistenziale
9) Ritenute e compensazioni in appalti e subappalti, enti non profit liberi da incombenze per l’attività istituzionale; Altre risposte ad interpelli

6) DDL Malattia liberi professionisti: “Iniziativa positiva, dare tutele a chi oggi non ne ha”

Lo ha affermato il vicepresidente del Consiglio nazionale dei commercialisti nel corso dell’audizione odierna della Commissione Giustizia del Senato, come apparso sul comunicato stampa del 21 ottobre 2020 redatto dall’Ufficio apposito del Cndcec.

 

Il pensiero di Commercialisti

malattia liberi professionisti“Il disegno di legge che intende introdurre tutele inedite per i professionisti che dovessero ammalarsi o subire un infortunio ha il grande merito di riservare attenzioni ad un pezzo di mondo del lavoro al quale fino ad oggi sono state inspiegabilmente negate”.

È quanto affermato dal Vicepresidente del Consiglio nazionale dei commercialisti, Giorgio Luchetta, nel corso dell’audizione odierna della Commissione Giustizia del Senato sul DDL sulla malattia dei  liberi professionisti, che ha come primo firmatario il senatore Andrea de Bertoldi, ma che è stato firmato anche dalla consulta dei parlamentari commercialisti, di cui fanno parte esponenti di tutte le forze politiche.

“Proprio in questi mesi drammatici di pandemia – ha affermato Luchetta – il Governo ci ha più volte definito “essenziali”.

I professionisti, i commercialisti italiani, necessitano più che mai di quei presidi previsti dal disegno di legge per vedere finalmente tutelato il proprio lavoro, che svolgono con abnegazione e spirito di assoluto servizio, garantendo un impegno che a volte va a discapito della loro tranquillità, di quella dei propri collaboratori e delle proprie famiglie.

I professionisti sono un segmento determinante del mondo del lavoro, saranno un avamposto di una possibile rinascita dopo i mesi durissimi che ci attendono.

A loro occorre riservare attenzioni e tutele che oggi non hanno.

Luchetta ha espresso inoltre apprezzamento per l’iniziativa che ha portato al disegno di legge:

“sia per il metodo trasversale, che ha visto lavorare fianco a fianco colleghi commercialisti appartenenti a diversi schieramenti politici, sia nel merito.

Si tratta di un primo, importante passo sulla via di un’azione che, lungi dal rispondere ad una logica corporativa, pone finalmente attenzione a legittime istanze troppo spesso dimenticate dalla politica”.

Luchetta ha sottolineato, infine, come il disegno di legge:

“è un segnale di inversione di tendenza e di un cambio di paradigma estremamente importante rispetto all’atteggiamento tenuto negli ultimi anni dalla politica nei confronti delle professioni ordinistiche.

È tempo – ha concluso – che la politica torni a guardare alle professioni come ad una risorsa per il Paese, un pezzo di economia da preservare e incentivare”.

A cura di Vincenzo D’Andò

Giovedì 22 Ottobre 2020

Scopri la nostra pagina dedicata alla complessa Professione Consulente

Scarica la versione integrale del Diario Quotidiano di oggi cliccando sul tasto rosso qui sotto>>>

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it