Cause che consentono alle pubbliche amministrazioni di rifiutare le fatture elettroniche - Diario Quotidiano del 26 Ottobre 2020

Nel DQ del 26 Ottobre 2020:
1) Enti del Terzo Settore: adeguamenti statutari di associazioni non riconosciute costituite con atto pubblico
NOTIZIA IN EVIDENZA – 2) Cause che consentono alle pubbliche amministrazioni di rifiutare le fatture elettroniche
3) E’ rimborsabile il credito IVA per l’acquisto delle stazioni di ricarica veicoli elettrici
4) Rinvio Bonus Librerie e altre brevi di fisco
5) L’esperto tributarista, in società, oltre che difensore tributario può esercitare l’attività d’impresa
6) Nozione di mercato regolamentato rilevante nella normativa in materia di imposte sui redditi: consultazione pubblica della bozza di circolare
7) Approccio strategico alla sostenibilità, un documento del Corporate Reporting Forum
8) Accordo di ruling c.d. Patent Box: presentazione delle dichiarazioni integrative
9) Importo anticipato dall’INPS: istruzioni operative sulle prestazioni erogate ai lavoratori per malattia
10) Lavoratori poligrafici: istruzioni sulla rimessione in termini per la presentazione della domanda di pensione

2) Cause che consentono alle pubbliche amministrazioni il rifiuto delle fatture elettroniche

pa rifiuto fatture elettronicheLe PA non possono comunque rifiutare le fatture elettroniche nei casi in cui gli elementi informativi possano essere corretti mediante note di variazione Iva (art. 26, Dpr 633/72).

Inoltre, la pubblica amministrazione (quale soggetto destinatario), nel caso in cui notifichi al trasmittente il rifiuto della fattura elettronica, dovrà indicare la causa del rifiuto (ovvero: Operazione che non é stata posta in essere in favore del soggetto destinatario della trasmissione; omessa o errata indicazione del Codice identificativo di Gara – CIG o del Codice unico di Progetto – CUP; omessa o errata indicazione del codice di repertorio; l’omessa o errata indicazione del codice di Autorizzazione all’immissione in commercio – AIC; omessa o errata indicazione del numero e data della determinazione dirigenziale nei confronti di Regioni ed enti locali).

Il Regolamento (Decreto 24 agosto 2020, n. 132), recante individuazione delle cause che possono consentire il rifiuto delle fatture elettroniche da parte delle amministrazioni pubbliche, è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 262 del 22 ottobre 2020.

Tale decreto entrerà in vigore dal 6 novembre 2020.

 

Cause di rifiuto e relative regole tecniche

Vengono, in particolare, apportate delle modifiche al decreto ministeriale 3 aprile 2013, n. 55, recante regolamento in materia di emissione, trasmissione e ricevimento della fattura elettronica da applicarsi alle amministrazioni pubbliche ai sensi dell’articolo 1, commi da 209 a 213, della legge 24 dicembre 2007, n. 244, che sono:

<<a) dopo l’articolo 2, é inserito il seguente:

«Art. 2-bis (Cause che consentono alle amministrazioni destinatarie di rifiutare le fatture elettroniche).

1. Le pubbliche amministrazioni non possono rifiutare le fatture elettroniche al di fuori dei seguenti casi:

a) fattura elettronica riferita ad una operazione che non è stata posta in essere in favore del soggetto destinatario della trasmissione;

b) omessa o errata indicazione del Codice identificativo di Gara (CIG) o del Codice unico di Progetto (CUP), da riportare in fattura ai sensi dell’articolo 25, comma 2, del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66, convertito, con modificazioni, dalla legge 23 giugno 2014, n. 89, tranne i casi di esclusione previsti dalla lettera a) del medesimo comma 2;

c) omessa o errata indicazione del codice di repertorio di cui al decreto del Ministro della salute 21 dicembre 2009, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 17 del 22 gennaio 2010, da riportare in fattura ai sensi dell’articolo 9-ter, comma 6, del decreto-legge 19 giugno 2015, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2015, n. 125;

d) omessa o errata indicazione del codice di Autorizzazione all’immissione in commercio (AIC) e del corrispondente quantitativo da riportare in fattura ai sensi del decreto del Ministero dell’economia e delle finanze, di concerto con il Ministero della salute, del 20 dicembre 2017, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 302 del 29 dicembre 2017, attuativo del comma 2 dell’articolo 29 del decreto-legge 24 aprile 2017, n. 50, convertito, con modificazioni, dalla legge 21 giugno 2017, n. 96, nonché secondo le modalità indicate nella circolare del Ministero dell’economia e delle finanze, di concerto con il Ministero della salute, n. 2 del 1° febbraio 2018;

e) omessa o errata indicazione del numero e data della determinazione dirigenziale d’impegno di spesa per le fatture emesse nei confronti delle Regioni e degli enti locali.

2. Le pubbliche amministrazioni non possono comunque rifiutare la fattura nei casi in cui gli elementi informativi possono essere corretti mediante le procedure di variazione di cui all’articolo 26 del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633.

3. Il rifiuto della fattura è comunicato al cedente/prestatore con le modalità individuate dal paragrafo 4.5 dell’allegato B al…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it