Visto di conformità mendace: attenzione alla responsabilità dei commercialisti - Diario Quotidiano del 18 Settembre 2020

Nel DQ del 18 Settembbre 2020:
1) Firmati i decreti per sostenere le Pmi
2) Codice del Terzo Settore: la gestione dell’ente religioso può essere assegnata ad un amministratore unico?
NOTIZIE IN EVIDENZA – 3) Visto di conformità mendace: é stretta penale sui commercialisti
4) Deduzione o meno delle imposte per cassa: norma di comportamento
5) Ispettorato Lavoro: chiarimenti su alcune norme del decreto “Agosto”
6) Misure sul lavoro contenute nei decreti sull’emergenza da Covid-19: aggiornata la guida della Fondazione dei commercialisti
7) Intervento del Fondo di Garanzia a favore dei dipendenti di aziende sequestrate o confiscate
8) Distacco transnazionale: recepita la Direttiva UE sulle condizioni di lavoro
9) Per accedere ai servizi del fisco e non solo, dal 28.2.2021 d’obbligo l’uso di Spid
10) Risposte agli interpelli del Fisco

3) Visto di conformità mendace: attenzione alla responsabilità dei commercialisti

visto di conformità mendaceIl commercialista risponde a titolo di concorso nel reato quando appone un visto di conformità mendace sulle attività illecite del cliente.

È legittimo il sequestro preventivo nei confronti di un professionista che si è limitato a trasmettere in via telematica il modello F24 recante l’indebita compensazione.

Lo ha sancito la Corte di Cassazione, con due sentenze (nn. 26087 e 26089) entrambi depositate il 16 settembre 2020.

Iva: Il commercialista risponde a titolo di concorso nel reato quando appone un visto di conformità falso sulle attività illecite del cliente.

La responsabilità deriva dal fatto che il professionista abbia omesso qualsiasi controllo.

I giudici di legittimità che hanno rigettato il ricorso del professionista hanno precisato che il commercialista aveva fornito un apprezzabile contributo al compimento delle attività illecite poiché lo studio aveva provveduto all’invio telematico di falsità apponendovi il visto di conformità infedele.

Il professionista incaricato aveva omesso qualsivoglia controllo.

Era ragionevole ravvisare una infedele asseverazione dei dati qualificabile come mezzo fraudolento idoneo a ostacolare l’accertamento e a indurre in errore l’amministrazione.

 

Sequestro preventivo per il professionista che trasmette il modello F24

È legittimo il sequestro preventivo nei confronti di un professionista che si è limitato a trasmettere in via telematica il modello F24 recante l’indebita compensazione, anche se la consulenza è stata fornita da terzi.

Non è possibile che lo stesso intermediario del fisco (nonché anche presidente del collegio sindacale della S.p.A.) possa aver adempiuto rimanendo all’oscuro dell’obiettivo illecito perseguito (sentenza n. 26087/2020).

Ha evidenziato al riguardo il Tribunale come fosse impensabile che …., operatore del settore e dunque conoscitore delle dinamiche sottese alla complessa operazione tributaria realizzata, abbia adempiuto all’incombente demandatogli rimanendo all’oscuro dell’obiettivo illecito perseguito, tanto più che egli ebbe modo di consultare la documentazione sottostante, rivelatasi carente e irregolare, il che avrebbe dovuto suscitare in lui delle preoccupazioni, a prescindere dalle rassicurazioni atecniche di …., a ciò dovendosi solo aggiungere che, nella sua ulteriore qualità Presidente del collegio sindacale,…. era gravato anche da ben precisi doveri di controllo, che, ai sensi dell’art. 2403 cod. civ., non si esauriscono certo nel prestare aprioristica fiducia in tutte le operazioni o comunicazioni più o meno formali dell’amministratore della società, ma si estrinsecano nell’obbligo di vigilare costantemente sull’osservanza della legge e dello statuto, sul rispetto dei principi di corretta amministrazione e, in particolare, sull’adeguatezza dell’assetto organizzativo, amministrativo e contabile adottato dalla società e sul suo concreto funzionamento”.

A cura di Vincenzo D’Andò

Venerdì 18 Settembre 2020

Scarica la versione integrale del Diario Quotidiano di oggi cliccando sul tasto rosso qui sotto>>>

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it