Fringe benefit ridotto sui veicoli green se assegnati e immatricolati da 1 luglio 2020 - Diario Quotidiano del 21 Agosto 2020

Nel DQ del 21 Luglio 2020:
1) Come rimediare se si riceve una fattura elettronica errata
2) Fornitura di pasti per degenti e detenuti: non applicabile l’aliquota Iva del 4%
NOTIZIA IN EVIDENZA – 3) Fringe benefit ridotto sui veicoli green se assegnati e immatricolati dal 1° luglio 2020
4) Estesa la rateizzazione per i versamenti fiscali sospesi

Commercialista Telematico - Software,ebook,videoconferenze3) Fringe benefit ridotto sui veicoli green se assegnati e immatricolati da 1 luglio 2020

La formulazione della norma lasciava dei dubbi interpretativi sul requisito temporale.

L’Agenzia delle entrate, con la risoluzione n. 46/E del 14 agosto 2020, ha chiarito dunque le condizioni per l’applicazione dell’agevolazione in caso di assegnazione di auto a minore impatto ambientale.

La legge di bilancio 2020 ha introdotto la rimodulazione del fringe benefit, allo scopo di inasprire la tassazione del reddito di lavoro dipendente in caso di assegnazione di auto con emissioni di CO2 superiori a 160 g/km.

La nuova misura si applica in caso di assegnazione ai dipendenti e collaboratori di veicoli “di nuova immatricolazione … concessi in uso promiscuo con contratti stipulati a decorrere dal 1° luglio 2020”.

L’Agenzia delle entrate é intervenuta per fornire i chiarimenti necessari all’applicazione della nuova disciplina, rispondendo ad un interpello in cui il contribuente chiedeva se, ai fini della determinazione del fringe benefit:

  • si debba considerare la data dell’accordo tra il datore di lavoro e il dipendente con la scelta del veicolo da assegnare, ovvero abbia rilievo la data dell’ordine di acquisto o di noleggio trasmesso al fornitore del veicolo;
  • la data di assegnazione al dipendente debba precedere la data di immatricolazione ovvero se questa debba essere comunque successiva al 1° gennaio 2020.

Secondo normativa, peraltro, sono esclusi dalla nuova disciplina, i contratti di assegnazione già in essere alla data del 1° luglio 2020, per i quali il fringe benefit resta pari al 30% dell’importo corrispondente ad una percorrenza convenzionale di 15 mila chilometri calcolato sulla base del costo chilometrico di esercizio desumibile dalle tabelle ACI.

 

Novità per le auto aziendali concessa in uso promiscuo dal 1° luglio 2020

La L. 160/2019 (Legge di Bilancio 2020) ha modificato il criterio di valorizzazione del fringe benefit auto ai fini fiscali e contributivi a partire dal 1 luglio 2020, prevedendo quattro soglie di valore tra loro alternativi al posto dell’unico attualmente in vigore, del 30% di un valore convenzionale, stabilito annualmente dall’ACI, che corrisponde ad una percorrenza di 15mila chilometri annui, crescente in funzione delle emissioni di anidride carbonica del veicolo (CO2).

Dunque, i mezzi (autoveicoli, motocicli e ciclomotori) con valore di emissione di anidride carbonica entro i 60 grammi per chilometro con contratti stipulati a decorrere dal 1 luglio 2020 scontano un valore corrispondente al 25% dei 15.000 km, che sale al 30% con un’emissione di Co2 per km superiore a 60, ma entro i 160 grammi, passando al 40% entro i 190 grammi, fino al 50% per cento se il valore di emissione per km supera i 190 grammi.

Per le assegnazioni di auto in uso promiscuo realizzate sino al 30.06.2020, rimangono invariate le regole già conosciute, che quantificano il benefit in misura pari al 30% della tariffa ACI corrispondente alla percorrenza standard di 4.500 Km, considera forfetariamente attribuibili all’uso privato dell’auto, mentre per le assegnazioni poste in essere dal 1° luglio 2020, invece, la tassazione cambia, prevedendo una differenziazione fondata sulle emissioni di anidride carbonica del veicolo (CO2), secondo la tabella che segue:

EMISSIONE DI CO2 DEL VEICOLO *

MISURA DELLA TASSAZIONE

   

ANNO 2020

fino al 30 giugno

ANNO 2020

dal 1° luglio

DAL 2021

Fino a 60 g/Km

30%

25%

25%

Da 61 a 160 g/Km

30%

30%

30%

Da 161 a 190 g/Km

30%

40%

50%

Oltre 190 g/Km

30%

50%

60%

(*) Per individuare l’emissione di CO2 è necessario verificare il libretto di circolazione del mezzo e, in particolare, la voce “V.7” nel riquadro 2 (in particolare, la lettera “V” è dedicata alle emissioni dei gas di scarico, ove “V.3” si…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it