Tax free shopping: le condizioni da rispettare per l’agevolazione- Diario Quotidiano del 17 Luglio 2020

di Vincenzo D'Andò

Pubblicato il 17 luglio 2020

Nel DQ del 17 Luglio 2020:
1) Spettacolo teatrale annullato per Covid: rinuncia al rimborso, applicabilità dell’Art bonus
2) La guardia medica è tenuta ad aprirsi la partita Iva con emissione di fattura all’ASL
3) Fatturazione elettronica: il Garante della privacy chiarisce l’ultimo parere reso
4) Cassa integrazione in deroga: criteri di calcolo delle settimane
5) Indice TFR del mese di giugno 2020 a quota 0,75
NOTIZIA IN EVIDENZA 6) Tax free shopping: le condizioni da rispettare riepilogate dalle Entrate
7) Decreto Rilancio convertito in Legge, principali novità
8) Diritto societario: Sindacabilità delle scelte degli amministratori
9) Contabilità: modifica del metodo di ammortamento delle immobilizzazioni materiali e immateriali per il Covid-19
10) Iscrizione di ipoteca e “periculum in mora”

tax free shopping6) Tax free shopping: le condizioni da rispettare riepilogate dalle Entrate

Tax free shopping: per determinare se la soglia di valore (154,94 euro, IVA inclusa) sia stata superata occorre basarsi “sul valore di fattura”.

Il valore aggregato di diversi beni può essere usato soltanto se tutti i beni figurano nella stessa fattura, rilasciata dallo stesso soggetto passivo che fornisce i beni allo stesso cliente.

Il punto sulla tax free shopping viene chiarito dall’Agenzia delle entrate nella risposta (rubricata come principio di diritto) n. 8 del 16 luglio 2020.

Si ricorda che l'articolo 147 della direttiva del Consiglio 28 novembre2006, n. 2006/112/CE, cui l'articolo 38-quater del D.P.R. 633/1972 dà attuazione in Italia, si riferisce sempre alla “cessione” dei beni con le dovute caratteristiche.

Per cui il valore di 154,94 euro, anche derivante da molteplici beni compravenduti tra gli stessi soggetti, non può riferirsi a più cessioni (compravendite avvenute in momenti diversi), seppure documentate con un'unica fattura.

L'articolo 38-quater del citati DPR n 633/1972 consente ai soggetti che effettuano attività di commercio al dettaglio di non applicare l'IVA, a favore dei turisti extra UE che effettuano nel territorio dello St