Regime forfettario e nuova attività – Diario Quotidiano del 3 Giugno 2020

di Vincenzo D'Andò

Pubblicato il 3 giugno 2020

Nel DQ del 3 Giugno 2020:
NOTIZIA IN EVIDENZA - 1) Applicazione del regime forfettario con l’aliquota ordinaria: definizione di nuova attività
2) Decreto Rilancio: proroga ad aprile dell’indennità Covid-19 ai beneficiari di marzo 2020 e nuove categorie di beneficiari per aprile 2020
3) Irap a saldo 2019 e 1° acconto 2020 non dovuti, Agenzia Entrate fornisce la prima conferma, ma mancano le modifiche alle istruzioni ministeriali (modelli e software di controllo)
4) Domanda emersione lavoro nero: decreto in G.U. e istituiti codici tributo per versare
5) Tutti i codici tributo per pagare la nuova IMU 2020
6) Piano Transizione 4.0: firmato il decreto attuativo
7) Servizio @e.bollo: come convenzionarsi con l’Agenzia delle entrate
8) Decreto Rilancio: sostegno alle imprese e aiuti di Stato
9) Ecco le istruzioni INPS anche per i lavoratori autonomi occasionali e gli incaricati alle vendite a domicilio 10) INPS: sospesa la verifica di inadempienza dei debiti esattoriali

1) Applicazione del regime forfettario con l’aliquota ordinaria

regime forfettario aliquota ordinariaNon si tratta di nuova attività, al contribuente è, quindi, preclusa l’applicazione dell’aliquota agevolata (5%), trovandosi nel regime forfettario per l’anno 2019, dovrà applicare l’aliquota ordinaria prevista nella misura del 15%.

Lo ha precisato l’Agenzia delle entrate, con la risposta n. 161 del 29 maggio 2020, che segue la presentazione di una apposita istanza d’interpello presentata da un soggetto andato in pensione da un datore di lavoro pubblico.

(Per approfondire..."Regime forfettario 2020: requisiti di accesso")

Il caso: regime forfettario e nuova attività

Un professionista, titolare di partita IVA dal 1° ottobre 2018, ha chiesto un parere riguardo l'applicazione, per la nuova attività, per il periodo di imposta in cui l'attività è iniziata e per i quattro successivi, dell'aliquota di cui al comma 64 dell'articolo 1 della Legge n. 190 del 2014 nella misura del 5%.

Il contribuente precisa che fino a settem