ISA 2020: definiti i voti per le pagelle relative al 2019 - Diario Quotidiano del 5 Maggio 2020

Nel DQ del 5 Maggio 2020:
1) Misure di prevenzione covid-19 negli studi professionali
2) Precompilata: al via, dal 5 maggio 2020, la consultazione
NOTIZIA IN EVIDENZA – 3) Indici Sintetici di Affidabilità fiscale: definiti i voti per le pagelle relative al 2019
4) Credito d’imposta per il cinema e Brevi di fisco
5) Cartelle esattoriali sospese fino al 31 maggio 2020
6) Speditore/Esportatore: dal 5 maggio 2020 é obbligatoria la compilazione del campo 2
7) Nuove indennità per i lavoratori danneggiati dall’emergenza da Coronavirus
8) Decreto maggio: misure a sostegno delle imprese anche sotto forma di contributi a fondo perduto
9) Oli lubrificanti: si va verso un sistema di tracciabilità per la circolazione nel territorio nazionale
10) Redditi 2020: disponibili dal 4 maggio 2020 tutti i programmi informatici del fisco
11) Coronavirus: pubblicate le FAQ del Garante privacy, chiarimenti anche sulle imprese private
12) Come valutare le aziende sequestrate e confiscate ?. Arrivate le linee guida del CNDCEC

3) ISA 2020 – Indici Sintetici di Affidabilità fiscale: definiti i voti per le pagelle relative al 2019

Isa 2020: definiti i criteri di accesso al regime premiale per il periodo d’imposta 2019. Gli indici esprimono su una scala da 1 a 10 il grado di affidabilità fiscale riconosciuto a ciascun contribuente, anche al fine di consentire a quest’ultimo isa 2020l’ingresso ai benefici.

Sono stati individuati dall’Agenzia delle entrate con il provvedimento direttoriale del 30 aprile 2020, i livelli di affidabilità fiscale ai quali sono collegati i benefici premiali, in relazione al periodo d’imposta 2019.

Il punteggio resta invariato, ma cambia il calcolo.

Per il periodo d’imposta 2019, il citato provvedimento ha previsto che il giudizio di affidabilità fiscale che consente l’accesso ai benefici premiali potrà essere conseguito anche sulla base della media dei livelli di affidabilità ottenuti a seguito dell’applicazione degli Isa per i periodi d’imposta 2018 e 2019.

Come è noto, i benefici fiscali degli ISA 2020 riguardano:

  • esonero dall’apposizione del visto di conformità per la compensazione di crediti per un importo non superiore a 50mila euro annui relativamente all’Iva e per un importo non superiore a 20mila euro annui relativamente alle imposte dirette e all’Irap;
     
  • esonero dall’apposizione del visto di conformità ovvero dalla prestazione della garanzia per i rimborsi dell’Iva per un importo non superiore a 50mila euro annui;
     
  • esclusione dell’applicazione della disciplina delle società non operative;
     
  • esclusione degli accertamenti basati sulle presunzioni semplici;
     
  • anticipazione di un anno, con graduazione in funzione del livello di affidabilità, dei termini di decadenza per l’attività di accertamento previsti, con riferimento al reddito di impresa e di lavoro autonomo;
     
  • esclusione della determinazione sintetica del reddito complessivo, a condizione che il reddito complessivo accertabile non ecceda di due terzi il reddito dichiarato.

Ebbene con il nuovo provvedimento rispetto allo scorso anno, vengono aggiunti nuovi livelli di affidabilità, con la finalità di premiare maggiormente l’affidabilità correlata anche riguardo alle annualità pregresse del contribuente.

A tal fine, si prevede che, al fine di consentire l’accesso ai benefici premiali anche ai contribuenti che presentano profili di affidabilità elevati sulla base di un arco temporale più ampio, circostanza sintomatica di una condizione di affidabilità fiscale ripetuta nel tempo, sono stati estesi i benefici ai soggetti che presentano un elevato livello di affidabilità complessivo, calcolato attraverso la media semplice ottenuta a seguito dell’applicazione degli Isa per i periodi d’imposta 2018 e 2019.

In particolare, questi i criteri per l’individuazione del livello di affidabilità calcolato sulla base dei due anni d’imposta: aumentandolo di un importo pari a “0,5”, per quanto riguarda i benefici premiali la cui soglia, riferita a un solo anno, è fissata a 8 e 8,5 e mantenendo il medesimo valore per quanto riguarda i benefici premiali il cui tetto, riferito a un solo anno, è fissata a 9.

 

Compensazione delle imposte

Riguardo ai benefici relativi alla compensazione delle imposte dirette, Irap, Iva e rimborso Iva, l’accesso è condizionato all’attribuzione del punteggio Isa pari a 8 ottenuto nel periodo d’imposta 2019 ovvero, alternativamente, del punteggio pari a 8,5 ottenuto come media tra i punteggi Isa relativi al periodo d’imposta 2019 e a quello precedente.

 

Disapplicazione della disciplina società non operative

Per quanto concerne la disapplicazione della disciplina società non operative, il beneficio è condizionato all’attribuzione del punteggio almeno pari a 9 a seguito dell’applicazione degli Isa per il periodo d’imposta 2019, ovvero, alternativamente, del punteggio pari a 9 ottenuto come media tra i punteggi Isa relativi al periodo…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it