L’adesione alla rottamazione ter inibisce le procedure di pignoramento presso già avviate – Diario Quotidiano del 13 Maggio 2020

di Vincenzo D'Andò

Pubblicato il 13 maggio 2020

Nel DQ del 13 Maggio 2020:
1) Adempimento collaborativo: ridotto il limite, si allarga la platea dei contribuenti ammessi
2) Adempimenti ai fini della compilazione delle dichiarazioni contributive tenuto conto dei correlati effetti finanziari
NOTIZIA IN EVIDENZA 3) L’adesione alla rottamazione ter inibisce le procedure di pignoramento presso terzi avviate in precedenza
4) Disponibili gli elenchi dei soggetti non profit che accedono al beneficio del 5 per mille 2020
5) Credito e liquidità per famiglie e imprese: le statistiche del MEF
6) Commercialisti nazionali: al via l’Info Brexit
7) Commercialisti: ricorsi dinanzi al Consiglio di Disciplina Nazionale sospesi fino al 16 maggio 2020
8) Controllo societario: pubblicato nuovo studio del Notariato
9) Chiarimenti dall’Ispettorato del lavoro sul corretto inquadramento previdenziale
10) Ipotesi di scudo penale per il datore di lavoro “virtuoso”

3) L’adesione alla rottamazione ter inibisce le procedure di pignoramento presso terzi avviate in precedenza

adesione rottamazione terDalla presentazione della dichiarazione di adesione alla rottamazione ter (definizione agevolata di cui al comma 5 dell’articolo 3 del D.L. n. 119 del 2018), le procedure di pignoramento presso terzi precedentemente avviate non proseguono e con il pagamento della prima rata dovuta a titolo di definizione le medesime si sono estinte, con conseguente svincolo delle somme dovute dal terzo pignorato, che possono rientrare, al loro pagamento, nella piena disponibilità dell’istante.

Lo ha precisato l’Agenzia delle entrate, nella risposta n. 128 del 12 maggio 2020, fornita in tema di rottamazione ter – estinzione pignoramento presso terzi.