Decreto Cura Italia e Terzo Settore: i bilanci slittano a Ottobre - Diario Quotidiano del 27 Aprile 2020

Nel Diario Quotidiano del 27 Aprile:
1) Cura Italia: approvazione definitiva
2) Bozza Def 2020: pil -8,1%
NOTIZIA IN EVIDENZA – 3) Novità in materia di Terzo settore nel Cura Italia: ONLUS, ODV e APS, ok all’approvazione del bilancio entro il 31 ottobre 2020, allargati i soggetti ammessi al 5 per mille
4) Aggiornamento dati cassa integrazione al 23 aprile 2020
5) Iscrizione delle imprese “non agricole” alla contribuzione agricola unificata
6) Emergenza COVID-19 – Progetto “Attività d’Impresa” – Analisi e prime proposte dei Commercialisti per i Cluster d’Impresa
7) Verso la riapertura graduale dei giochi Lotto e Sisal
8) Diverso trattamento IVA per gli educatori tecnico-sportivi laureati in scienze motorie
9) L’avvocato non residente non fruisce del regime forfettario per i redditi prodotti in Italia
10) Varie di Fisco: tra cui l’ndennità sostitutiva di mensa gestione tramite applicazione per smartphone

3) Disposizioni in materia di terzo settore nel Cura Italia

Terzo settore: ONLUS, ODV e APS possono approvare i propri bilanci entro il 31 ottobre 2020

terzo settore bilanci ottobreTra le disposizioni contenute nel decreto Cura Italia in materia di Terzo Settore, anche a seguito delle modifiche intervenute nel corso delle sedute parlamentari, sono presenti tante novità.

L’art. 35 del D.L. Cura Italia (n. 18/2020) ha rinviato al 31 ottobre 2020 il termine entro il quale le Onlus, le organizzazioni di volontariato (ODV) e le Associazioni di promozione sociale (ASP) devono adeguare i propri statuti alle disposizioni contenute nel Codice del terzo settore.

Entro lo stesso termine del 31 ottobre 2020, le imprese sociali possono modificare i propri statuti con le modalità e le maggioranze previste per le deliberazioni dell’assemblea ordinaria.

Ai sensi del comma 3, per quanto riguarda l’approvazione dei bilanci, viste le misure poste in essere nel periodo emergenziale e la conseguente difficoltà di convocare gli organi sociali, viene rinviato al 31 ottobre 2020 il termine utile per l’approvazione dei bilanci di esercizio delle Onlus, delle ODV e delle ASP, per le quali la scadenza del termine di approvazione ricade all’interno del periodo emergenziale.

Nel corso dell’esame al Senato, è stato aggiunto un periodo al comma 3 con l’obiettivo di chiarire che le medesime organizzazioni e associazioni sono autorizzate a svolgere le attività correlate ai fondi cinque per mille per l’anno 2017 entro il 31 ottobre 2020 e che alla medesima data del 31 ottobre 2020 sono prorogati i termini di rendicontazione di eventuali progetti assegnati sulla base di leggi nazionali e regionali.

Inoltre, per il solo 2020, il comma 3-bis, ha modificato il termine per la redazione del rendiconto sull’utilizzo delle somme percepite dal cinque per mille (18 mesi dalla data di ricezione delle somme medesime in luogo di un anno).

Al Senato è stato poi introdotto il comma 3-ter, che applica le disposizioni del comma 3 alle Associazioni e Fondazioni, alle Associazioni non riconosciute e ai Comitati nonché agli enti pubblici e privati diversi dalle società, ai trust che non hanno per oggetto esclusivo o principale l’esercizio di attività commerciale, nonché agli organismi di investimento collettivo del risparmio, residenti nel territorio dello Stato.

Infine, sempre al Senato, è stata approvata una modifica all’art. 26, comma 3, della legge 125/2014 che proroga di un anno la cadenza (da “almeno biennale” a “almeno triennale”) della verifica e del controllo della capacità e dell’efficacia acquisita dai “soggetti della cooperazione” (comma 3-quater).

 

Rinvio adeguamenti statuti (Onlus, ODV, ASP)

Il comma 1 dell’articolo in esame, rinvia dal 30 giugno 2020 al 31 ottobre 2020, il termine entro il quale le Onlus, le organizzazioni di volontariato (ODV) e le Associazioni di promozione sociale (ASP) devono adeguare i propri statuti alle disposizioni contenute nel Codice del terzo settore (D.Lgs. 117/2017) utilizzando le maggioranze semplificate. Inoltre, fino al 31 ottobre 2020, continuano ad applicarsi le norme previgenti ai fini e per gli effetti derivanti dall’iscrizione degli enti nei registri Onlus, ODV, ASP.

Nota

Il D.Lgs. 117/2017 Codice del Terzo settore, entrato in vigore il 3 agosto 2017, provvede “al riordino e alla revisione organica della disciplina speciale e delle altre disposizioni vigenti relative agli enti del Terzo settore, compresa la disciplina tributaria applicabile a tali enti” configurandosi come uno strumento unitario in grado di garantire la “coerenza giuridica, logica e sistematica” di tutte le componenti del Terzo settore.

Il Codice prescrive l’obbligo, per gli enti del Terzo settore, qualificati nello statuto come ETS, di iscriversi nel Registro unico nazionale del Terzo settore (Runts) e di indicare gli estremi dell’iscrizione negli atti, nella corrispondenza e nelle comunicazioni al pubblico.

L’iscrizione nel…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it